Mitre e Subbuteo

Il Subbuteo. Quel gioco così meraviglioso che, quando ero bambino, mi sembrava un miraggio. Lo conoscevo da quando avevo tre, forse due anni. Lo usava mio fratello maggiore. Io lo osservavo schiccherare quegli omini, il cui rumore, oggi, sono un unico parallelo di ricordi accatastati nel tempo. Ma mi piace ricordarne uno, legato all’altro mio fratello che era amava tanto il monologo di Francesco Nuti in “Caruso Paskoski (di padre polacco)”, dove il protagonista descrive il piacere provocato dai rumori delle palle da biliardo che sbattono sulla stecca e poi tra loro. Quando crebbi poi, chiesi a mio fratello di regalarmi il suo Subbuteo, ma oramai non lo aveva più, perso nel… Read More

Continue Reading

Asics Nippon Salernitana

“Scusa Pgovenzali, interrompo la linea da Salerno: la Saleghnitana si pogta in vantaggio sul Cagliaghi con un gol di Tosto, a chiudeghe un’azione dell’ottimo Bgheda. Saleghnitana semprghe più pgoiettata vegso la pgomozione in Massima Serie”. (Le G al posto delle R sono per imitare la particolare pronuncia dell’allora inviato in Campania per Radio1)

Continue Reading

Galex Perugia.

Un giorno, mentre terminavo la mia giornata di lavoro per un’agenzia di volantinaggio a Perugia, salendo sulla macchina del capogruppo, un mio collega, atterrito, mi disse: Sem’ falliti. Cosa? Il Perugia è fallito. Ma come? Avete solo perso lo spareggio col Toro. Eh, e oggi ci hanno dichiarato falliti. Non ce lo aspettavamo proprio. Tornati in agenzia presi la mia Vespa e corsi allo stadio Curi, certo di trovare un bel baccano. Non vidi esattamente ciò che mi aspettavo: nessuno lanciava pietre o protestava, però un folto gruppo di sostenitori presidiava il piazzale, ed ho in mente una per una le loro facce. Si trovavano al funerale del loro amore… Read More

Continue Reading

Il primo pallone della mia collezione – Mitre Magma-

L’ultimo regalo di Natale che ho ricevuto da mia madre, nel 1993, fu il Subbuteo. Ora, volevo parlare di un pallone, ma mi sono messo a scrivere, e i ricordi si tirano l’uno con l’altro, e quindi è meglio se mi pongo subito un freno, se no finisco per scrivere due o tre ore. Va bene, dicevo, ricevetti il Subbuteo. Da sempre ero appassionato di calcio e di palloni, quando giocavamo in strada e la sfera era mia, se saltava nel giardino con qualche cane che lo sbranava, io piangevo e mi disperavo. Ero l’unico, ma per questo nessuno si azzardò mai a prendermi in giro. Piangere perché Hassmann di… Read More

Continue Reading

Hummel, Jeg har karakter

Così per caso ho trovato questo pallone. Non so se sia mai stato usato in competizioni ufficiali. Certo, la versione in mio possesso è recente, del periodo in cui il pallone unificato aveva o stava per prendere il sopravvento. Però ho deciso di comprarlo ugualmente, per seguire un sentimento, dopo mesi in cui inseguivo altro. Eh sì, perché nell’ultimo anno mi ero fissato nella ricerca dei palloni usati in competizioni ufficiali. ergo cercavo il pallone della Champions League, quelli della Serie A, quelli degli Europei, eccetera. Mi ritrovavo a trattare prezzi per palloni così brutti, ma così brutti da far vomitare Mister Nike in persona, o Mister Adidas. Sia chiaro,… Read More

Continue Reading

Mitre Ultimax Sampdoria

Voi a cosa pensate quando siete soli in casa, a far nulla? In frigo non c’è nessuna porcheria, in televisione nemmeno, non avete voglia di uscire e l’amico che frequentate di solito e con cui passate serate leggere a sparare sciocchezze non c’è. Edwidge Fenech? Un maiale intero arrosto? Una spillatrice di birra torbida e venti pinte trasparenti e luccicanti da sporcare a piacimento? Ecco, io no. Cioè, sì, un poco sì. Però ci penso in seconda battuta, ci penso come Nelson Abeijon pensa a sbordare da fuori area una palla raccolta in seguito ad una ribattuta del portiere. Perché di prima intenzione io penso a Lui: Il Mitre Ultimax. E dato che ora… Read More

Continue Reading

Mondo Kaleidos Spal

Guardando vecchi video e vecchie foto di partite di calcio, un collezionista prova sempre un qualcosa di particolare, nel cuore. La tanto sdoganata parola Nostalgia, però, non credo sia appropriata, almeno in questo caso. Credo che il sentimento che si prova sia il senso del possesso, oltre alla curiosità nel vedere come nel tempo questo bellissimo sport sia cambiato. Il controllo di palla, lo stop, il modo di alzare la testa e vedere il gioco, i disegni delle gambe e delle spalle, e poi, i palloni. Come rimbalzano, come rotolano, i colori. A me, vedere Batistuta che s’avventa su un Mondo Kaleidos della Viola, provoca un’esplosione di gusto così forte… Read More

Continue Reading

Nike Ordem V Hi-Vis.

Cagliari Pordenone, sciagurato sedicesimo di finale per i rossoblu, buttati fuori da una indomita formazione di terza serie. Minuto cinque circa, angolo di Cossu, appoggia su Van der Wiel che crossa, a centro area Capuano incorna, ma la palla finisce sul piccolo parterre della Curva Nord. Un ragazzo la blocca in una presa plastica e si dilegua. Questo è quel pallone. Rarità, se vogliamo autoconvincerci: è una sfera usata in una Coppa Italia che il Cagliari, almeno per quest’anno, non vedrà se non in televisione. Vi piace? (È pur sempre un maledetto Nike Unico, lo so  ) Racconti di un ottico solitario diRiccardo Balloi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione… Read More

Continue Reading

La mia collezione, la mia rovina.

Un pezzo della mia grande passione: collezionare palloni da calcio. Tempo fa decisi di catalogare ogni pezzo, e creai un file con la foto di ogni palla, annotavo il nome del modello, un giudizio estetico e tecnico, come ne ero venuto in possesso ed infine, in alcuni casi, dei ricordi che lo riguardassero. Le caselle del file hanno i seguenti titoli, partendo da sinistra: – Marca/modello; – In mio possesso dal: – Dimmi di lui. Giudizio estetico, ricordi su come l’hai avuto, insomma, il cazzo che ti pare. – Certificazione. Forse è proprio questo che ha fatto divenire questo interesse una passione che sfocia, va detto, in un’ossessione: l’affinità estetica… Read More

Continue Reading