Non sarai mai solo

Non so quale partita fosse, ricordo solo che io, che avevo l’ abbonamento, l’ascoltai alla radio, perché essendo in notturna non potevo andare allo stadio, dal momento che il giorno dopo avevo la scuola. Non parlerò di calcio, non parlerò della passione che spinge queste persone a fare quello che fanno, non parlerò del tifo e dei cori. Parlerò di un fatto sostanziale, che in questo striscione è espresso in tutta la sua potenza. L’unica parola che io vorrò sentire, quando sarò in punto di morte, o in un mare immenso di guai, è questa : “non sarai mai solo”. I tifosi, tra un coro, un vaffanculo e una scazzottata,… Read More

Continue Reading

Dieci emozioni. Capitolo 2 di 3.

  Captai che il mio continuo osservare la sua intimità non lo infastidiva, sembrava non avvedersene. Dal primo momento i segnali erano chiari, ma non fu facile ammettere a me stesso che ero l’ unico che poteva vederlo, l’unico ad accorgersi della sua presenza. Una cosa insolita, magari surreale, ma io l’ accettai come accettavo ogni cosa. Mi viene difficile descriverlo, perché la sua forma fisica era tutt’altro che umana, ma l’effetto che aveva su me, per una ovvia necessità di ricondurre il piacere estetico ad un’immagine di una testa, un busto e quattro arti, era affine all’effetto dell’amore sulle persone. Non ho mai amato, ma ho letto qualcosa qua… Read More

Continue Reading

Dieci emozioni. Capitolo 1 di 3.

Mio padre. A sedici anni rubava la frutta dai campi alla periferia della città. A diciotto era il capo di una piccola brigata. Armati di scacciacani fermavano i furgoni postali e li ripulivano. All’ inizio degli anni ottanta aveva vent’anni e campava simulando incidenti stradali per farsi risarcire dalle assicurazioni. Poi nacqui io. Vissi mezza vita tra case famiglia e affidamenti, per poi finire al collegio nazionale, da dove ogni tanto venivo portato via da qualche zio, che di me non sapeva nulla e nulla voleva sapere. Un paio di domeniche l’anno, escluse le festività importanti, mi venivano a prendere e mi mettevano a sedere alla loro tavola. Mi servivano… Read More

Continue Reading